La perforazione di un pozzo è un’attività di per sé sicura. La Società ha preso tutte le precauzioni possibili per evitare qualsiasi rischio ambientale. 

Gli uffici competenti della Regione Siciliana hanno valutato positivamente lo Studio di Impatto Ambientale realizzato da Irminio,  nell’ambito della procedura autorizzativa; il CNR ha effettuato un accuratissimo studio “ante operam” e supporterà l’azienda nel monitoraggio ambientale.

Nella zona di sviluppo di Buglia Sottana sono stati installati dei piezometri – ovvero strumenti che permettono di individuare nel terreno le masse liquide – intorno alla futura postazione di estrazione. I piezometri sono posizionati in modo tale da intercettare l’acqua di falda che scorre sotto la postazione e permetterne un’analisi in continuo e in tempo reale delle eventuali variazioni chimiche. L’installazione della strumentazione prima dell’inizio dei lavori consente di avere una misura della qualità delle acque senza alcuna perturbazione, e di poterla comparare con quanto accade durante le attività di scavo.

Inoltre, per tutelare al massimo l’ambiente, tutte le acque – anche quelle piovane – saranno raccolte, stoccate e inviate a trattamento in impianto idoneo, così come tutti i rifiuti e le rocce di perforazione, che saranno raccolti in apposite vasche impermeabilizzate e smaltiti in impianti autorizzati.